MouniMaharaj of Rajasthan

Muniji
Mouni Maharaj se ne andò dall’Himalaya nel 1935

Mouni Maharaj

Come già realizzato praticante di Raja Yoga, visse e insegnò in un piccolo villaggio del Punjab per i successivi 20 anni, vagando occasionalmente in giro per l’India. Conosceva molti dei vecchi grandi saggi dell’India, inclusi Ramanamaharshi e Nityananda. Intorno al 1955 lasciò improvvisamente il villaggio del Punjab e stabilì un nuovo ashram nel deserto del Rajasthan vicino alla città di Merta. Lì rimase e insegnò per 40 anni, gli ultimi 20 anni senza mai uscire dal cancello del suo ashram. Nel 1995 partì di nuovo improvvisamente, stabilendo un ashram vicino al Monte Abu. Ho viaggiato per la prima volta per incontrarlo nel 1977, dove si è offerto di insegnarmi i metodi genuini, poco conosciuti, del Raja Yoga e del risveglio della Kundalini. Sono tornato lì ogni volta che ne ho sentito il bisogno, ma la sua guida interiore è sempre con me. Dal 1996, a circa 100 anni (la vera età sconosciuta) e probabilmente lo Yogi più rispettato nel Rajasthan e nel Punjab, si è spostato continuamente in India, frequentando i suoi studenti mentre sentiva la chiamata dal “world wide way” [la via ampia del mondo]. Mouni Maharaj è morto il 31 ottobre 2007.

Mouni Maharaj parla:

Coscienza, verità, luce, suono, realtà, ecc. – nessuno di questi è il Vero Sé ma tutti conducono allo stesso posto (quel luogo che è al di là di ogni concezione dove dimora il Vero Sé).
I Mantra possono aiutare l’addomesticamento della mente. Dà mantra ai suoi studenti per migliorare la qualità della loro vita. Dà esercizi di respirazione per migliorare la loro salute. Questi non sono direttamente per la realizzazione del Sé, ma aiuteranno le persone a prepararsi per questo.
Maya esiste. Dobbiamo fare il nostro dovere al suo interno. Il nostro dovere esteriore nella vita è di non fare del male mentre aiutiamo la nostra famiglia e a coloro che incontriamo. Il nostro dovere interiore è cercare la conoscenza di sé per conoscere il Sé.
Yoga è ciò che sorge quando cessano le increspature della mente. Tutti gli Yoga (Hatha, Bhakti, Raja) sono uno. Lo scopo dello Yoga è conoscere il Sé. Molte pratiche hanno benefici collaterali e alcune vi si dedicano, ma questo non è il vero scopo dello Yoga. L’Hatha Yoga moderno, diffuso in tutto il mondo, non è vero yoga – è lo yoga per hobby e non porterà all’autorealizzazione. Potrebbe solo rendere le persone più attaccate ai loro corpi.
La preghiera è il meglio. Altri esercizi preparano la strada ma non sono così importanti. Nella preghiera, il motivo è molto importante – prega, non predare [prey]. La vera preghiera è oltre le parole. Lo scopo della preghiera è di raggiungere il vero Sé. Quando di conseguenza ti rendi conto che la tua coscienza attuale non è nulla, solo allora il Vero Sé sorgerà per sostenere la tua vita e la vita di coloro con i quali sei connesso.
Non danneggiare nessuno è la regola più importante per la vita esteriore. Inoltre, non reagire a eventi o condizioni esteriori difficili, altrimenti governeranno il tuo mondo interiore.
L’amore sorge quando non riconosci alcuna differenza tra te e l’altro.
L’adorazione del Guru da arte degli allievi – non lo raccomanda. Non è un vero percorso verso l’illuminazione. Ogni insegnante che lo chiede o lo consente ai propri studenti sta usando male la devozione degli studenti. Raccomanda agli studenti di visitarlo per un po’ e poi di tornare a casa per esercitarsi nella propria vita. Altrimenti gli studenti diventano dipendenti dalla presenza dell’insegnante.
L’insegnante spiega la via ma i tuoi sforzi sono l’ingrediente principale. L’energia dell’insegnante (baraka, darshan o emanazione spirituale) ti aiuta a fare uno sforzo. Più impegno fai, più aiuto ricevi. Lo sforzo dipende dalla Volontà.
Silenzio – in una fase successiva (da 20 a 40 anni) quando ti riposi nel silenzio interiore, ti verrà detto cosa fare dall’interno, solo allora l’insegnante esterno non è più necessario. Quando sorge questa conoscenza interiore, devi seguirla.
La realizzazione è disponibile per tutti ma è raggiunta solo da quei pochi che hanno la volontà di sostenere una vita di sforzi.
(Translation by Tiziano Moretti)
← worldwideway